Loading...

Natalino Del Prete

Pinoq 2021

Denominazione: Salento IGT

Accedi o Abbonati per i prezzi

Esaurito

La cantina

Natalino, vero contadino, lavora per la salvaguardia della sua terra e dei suoi consumatori. I terreni, sul suolo della Terra Dei Messapi, sono vitati con gli autoctoni primitivo e negramaro che rappresentano la maggior parte della sua produzione, e una piccola quantità di malvasia nera e aleatico. In vigna nessun fertilizzante e irrigazione, minima aratura e nessun prodotto di sintesi, l’azienda ha la certificazione biologica dal 1994. Questa filosofia si estende al lavoro in cantina dove i vini fermentano e maturano in grandi contenitori di cemento, vengono effettuati pochissimi travasi e non viene aggiunta solforosa in vinificazione. I suoi vini sono onesti, lasciano il segno, regalano sempre sole e frutta matura nel bicchiere.

Natalino, vero contadino, lavora per la salvaguardia della sua terra e dei suoi consumatori. I terreni, sul suolo della Terra Dei Messapi, sono vitati con gli autoctoni primitivo e negramaro che rappresentano la maggior parte della sua produzione, e una piccola quantità di malvasia nera e aleatico. In vigna nessun fertilizzante e irrigazione, minima aratura e nessun prodotto di sintesi, l’azienda ha la certificazione biologica dal 1994. Questa filosofia si estende al lavoro in cantina dove i vini fermentano e maturano in grandi contenitori di cemento, vengono effettuati pochissimi travasi e non viene aggiunta solforosa in vinificazione. I suoi vini sono onesti, lasciano il segno, regalano sempre sole e frutta matura nel bicchiere.

Il vino

Le uve destinate alla vinificazione di Pinoq vengono vendemmiate a mano verso la metà di agosto e sono lasciate fermentare spontaneamente con soli lieviti indigeni in cemento. Il mosto macera sulle bucce per circa 4 giorni per acquisire il minimo indispensabile di colore. Il vino viene lasciato quindi affinare sempre in cemento per almeno 6 mesi. Ne risulta un rosso tanto scarico quanto incisivo, fresco e dinamico, tutt’altro che alcolico e caratterizzato da una beva di particolare finezza: sentori di frutti neri, bacche, spezie dolci, note erbacee e cenni minerali per un vino da bere a ogni ora del giorno.

Natalino, vero contadino, lavora per la salvaguardia della sua terra e dei suoi consumatori. I terreni, sul suolo della Terra Dei Messapi, sono vitati con gli autoctoni primitivo e negramaro che rappresentano la maggior parte della sua produzione, e una piccola quantità di malvasia nera e aleatico. In vigna nessun fertilizzante e irrigazione, minima aratura e nessun prodotto di sintesi, l’azienda ha la certificazione biologica dal 1994. Questa filosofia si estende al lavoro in cantina dove i vini fermentano e maturano in grandi contenitori di cemento, vengono effettuati pochissimi travasi e non viene aggiunta solforosa in vinificazione. I suoi vini sono onesti, lasciano il segno, regalano sempre sole e frutta matura nel bicchiere.

Le uve destinate alla vinificazione di Pinoq vengono vendemmiate a mano verso la metà di agosto e sono lasciate fermentare spontaneamente con soli lieviti indigeni in cemento. Il mosto macera sulle bucce per circa 4 giorni per acquisire il minimo indispensabile di colore. Il vino viene lasciato quindi affinare sempre in cemento per almeno 6 mesi. Ne risulta un rosso tanto scarico quanto incisivo, fresco e dinamico, tutt’altro che alcolico e caratterizzato da una beva di particolare finezza: sentori di frutti neri, bacche, spezie dolci, note erbacee e cenni minerali per un vino da bere a ogni ora del giorno.
Le uve destinate alla vinificazione di Pinoq vengono vendemmiate a mano verso la metà di agosto e sono lasciate fermentare spontaneamente con soli lieviti indigeni in cemento. Il mosto macera sulle bucce per circa 4 giorni per acquisire il minimo indispensabile di colore. Il vino viene lasciato quindi affinare sempre in cemento per almeno 6 mesi. Ne risulta un rosso tanto scarico quanto incisivo, fresco e dinamico, tutt’altro che alcolico e caratterizzato da una beva di particolare finezza: sentori di frutti neri, bacche, spezie dolci, note erbacee e cenni minerali per un vino da bere a ogni ora del giorno.

Floreale +

Fruttato

Fresco

Fresco

Varietà delle uve: Varietà a bacca rossa

Fermentazione: Spontanea

Vinificazione: In cemento

Maturazione: In cemento

Certificazione: Nessuna

Loading...
Box

Solo Vini Naturali

Paese

Italia

Regione

Puglia

Vino

Rosso

Accedi al tuo account

Benvenuto.

Sei un amante del vino? Benvenuto nel fantastico mondo di Winology, un abbonamento mensile pensato per aiutarti a vivere al meglio la tua passione​

Registrati ora