Loading...

Le Driadi

Merlot "Driade Felice" 2019

Denominazione: Colleoni DOC

Accedi o Abbonati per i prezzi

Esaurito

La cantina

«Crediamo in una viticoltura naturale rispettosa del territorio, delle sue risorse e della sua biodiversità: il nostro vino, senza finzioni e artifizi è il suo frutto e nasce da uve sane e vive».

Queste le parole di Gabriella e Luciano Chenet, rispettivamente biologa e ingegnere che nel 2014 decidono di stravolgere le loro vite acquistando un vecchio vigneto abbandonato di merlot nel bergamasco, non lontano da Palazzago e da Pontida, in Valcalepio. Oggi a quell’appezzamento hanno affiancato altre vigne per un totale di appena 3 ettari coltivati in biologico. Un luogo molto bello, caratterizzato da esposizioni molto fortunate e da terreni calcareo-argillosi, capaci di trattenere l’umidità necessaria alle piante anche in annate molto siccitose.

«Crediamo in una viticoltura naturale rispettosa del territorio, delle sue risorse e della sua biodiversità: il nostro vino, senza finzioni e artifizi è il suo frutto e nasce da uve sane e vive».

Queste le parole di Gabriella e Luciano Chenet, rispettivamente biologa e ingegnere che nel 2014 decidono di stravolgere le loro vite acquistando un vecchio vigneto abbandonato di merlot nel bergamasco, non lontano da Palazzago e da Pontida, in Valcalepio. Oggi a quell’appezzamento hanno affiancato altre vigne per un totale di appena 3 ettari coltivati in biologico. Un luogo molto bello, caratterizzato da esposizioni molto fortunate e da terreni calcareo-argillosi, capaci di trattenere l’umidità necessaria alle piante anche in annate molto siccitose.

Il vino

È il Driade Felice il vino che nasce dal primissimo appezzamento acquistato da Gabriella e Luciano. Un rosso che racconta questo spicchio di territorio anche grazie a un profilo potente e ancora da ammorbidire, da cui emergono sentori di prugna, susina nera e amarena. Un rosso di particolare stoffa, che crescerà con il tempo, figlio di una macerazione sulle bucce di 10 giorni, di una fermentazione spontanea e di una maturazione in sole vasche di acciaio (oltre che di un riposo in bottiglia di circa 6 mesi). Bonus: nel 2019 le uve si presentavano talmente belle che l’utilizzo di anidride solforosa è stato ridotto al minimo.

«Crediamo in una viticoltura naturale rispettosa del territorio, delle sue risorse e della sua biodiversità: il nostro vino, senza finzioni e artifizi è il suo frutto e nasce da uve sane e vive».

Queste le parole di Gabriella e Luciano Chenet, rispettivamente biologa e ingegnere che nel 2014 decidono di stravolgere le loro vite acquistando un vecchio vigneto abbandonato di merlot nel bergamasco, non lontano da Palazzago e da Pontida, in Valcalepio. Oggi a quell’appezzamento hanno affiancato altre vigne per un totale di appena 3 ettari coltivati in biologico. Un luogo molto bello, caratterizzato da esposizioni molto fortunate e da terreni calcareo-argillosi, capaci di trattenere l’umidità necessaria alle piante anche in annate molto siccitose.

È il Driade Felice il vino che nasce dal primissimo appezzamento acquistato da Gabriella e Luciano. Un rosso che racconta questo spicchio di territorio anche grazie a un profilo potente e ancora da ammorbidire, da cui emergono sentori di prugna, susina nera e amarena. Un rosso di particolare stoffa, che crescerà con il tempo, figlio di una macerazione sulle bucce di 10 giorni, di una fermentazione spontanea e di una maturazione in sole vasche di acciaio (oltre che di un riposo in bottiglia di circa 6 mesi). Bonus: nel 2019 le uve si presentavano talmente belle che l’utilizzo di anidride solforosa è stato ridotto al minimo.
È il Driade Felice il vino che nasce dal primissimo appezzamento acquistato da Gabriella e Luciano. Un rosso che racconta questo spicchio di territorio anche grazie a un profilo potente e ancora da ammorbidire, da cui emergono sentori di prugna, susina nera e amarena. Un rosso di particolare stoffa, che crescerà con il tempo, figlio di una macerazione sulle bucce di 10 giorni, di una fermentazione spontanea e di una maturazione in sole vasche di acciaio (oltre che di un riposo in bottiglia di circa 6 mesi). Bonus: nel 2019 le uve si presentavano talmente belle che l’utilizzo di anidride solforosa è stato ridotto al minimo.

Fruttato

Vegetale

Fresco

Saporito

Varietà delle uve: Merlot

Fermentazione: Spontanea

Vinificazione: In acciaio

Maturazione: In acciaio

Certificazione: Biologica

Loading...

Un bianco che apre uno squarcio di luce sulla regione di Vinho Verde e sulla capacità espressiva di larga parte dei bianchi portoghesi del nord: un vero e proprio punto di riferimento.

Regione

Lombardia

Vino

Rosso

Paese

Italia

Box

Spontaneità

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Le Driadi, Merlot Driade Felice 2019”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi al tuo account

Benvenuto.

Sei un amante del vino? Benvenuto nel fantastico mondo di Winology, un abbonamento mensile pensato per aiutarti a vivere al meglio la tua passione​

Registrati ora